22 dic 2010

Un falò per Joe Strummer

Joe amava accendere un falò e sedervisi attorno con familiari e amici ...
"E ora vorrei dire, che la gente può cambiare qualsiasi cosa vuole, e intendo qualsiasi cosa al mondo. La gente corre, segue i suoi piccoli binari, ed io sono uno di loro. Ma dobbiamo smettere tutti di seguire i nostri miseri binari. La gente può fare qualsiasi cosa, è una cosa che sto iniziando ad imparare. L'avidità non porta da nessuna parte. Dovrebbero scriverlo su un grande cartello in tutte le piazze del mondo, senza gli altri non siamo niente, questo è quello che penso."
Joe Strummer, 2002, dalla newsletter di RadioClash.it

26 nov 2010

Dopo la fanzine Rockgarage Marco Pandin continua con la Catfood Press

Collage di Annie Anxiety CrassMarco Pandin dopo aver chiuso il ciclo di Rockgarage (fanzine ed allegati sonori), ha proseguito creando una nuova etichetta indipendente, la Catfood Press. L’idea era di continuare a stampare nuovo materiale però distribuendolo diversamente, senza intermediari. Ho fatto quattro chiacchiere con Marco sulla Catfood Press, che ha rappresentato un importante passo per arrivare all’attuale etichetta Stella*Nera.

L'intera intervista la potete trovare qui:
http://www.sullamaca.it/musica/catfood-press/
http://sunday-m-orning.blogspot.com/2010/11/dopo-la-fanzine-rockgarage-marco-pandin.html

17 nov 2010

Sunday Morning - il nuovo superblog per chi ci piace alla musica

Qualche giorno fa Allesandro Limonta mi ha scritto se fossi interessato scrivere qualcosa su un nuovo blog, che stava aprendo con Paolo Vites. Dopo aver letto l'invito e la presentazione, ho avuto subito chiaro il senso del blog, un posto virtuale democratico e aperto, con l'intento generale di stimolare delle discussioni amichevoli fra i lettori. Si potranno scambiare pareri, idee, impressioni o qualsiasi cosa che ti può suscitare una musica, un testo o un concerto. Chi vorrà scrivere dei post, lo potrà fare chiedendo semplicemente d'esser invitato. Chi invece vorrà solo commentare sarà il benvenuto! Comunque stiamo iniziando da poco e piano piano arriveranno i primi post. Comunque ecco l'indirizzo:


Vi consiglio di leggere la bella presentazione che trovate qui:


Vi aspettiamo!

23 set 2010

Giant Sand - Chore Of Enchantment

L'altra sera commentando il post di Tuning Maze 3.0 ho promesso di rendere disponibile qui l'album "Chore Of Enchantment" dei Giant Sand di Howe Gelb. La discografia dei Giant Sand è piuttosto estesa e non facile da seguire, però questo album rappresenta secondo me la giusta sintesi della creatività di Gelb: alternative rock, folk, country e tutta la musica che gira lungo la frontiera fra gli USA e il Messico. In questo album ci sono ancora i due Calexico, Burns e Convertino.

Giant Sand "Chore Of Enchantment"
2000, CD Thrill Jockey

http://www.mediafire.com/?wjpu1xjaf9aowtt

17 set 2010

La Spittle Records, archivio sonoro della scena new wave italiana degli anni '80

Mi capita ogni tanto di cercare fra i vecchi vinili per seguire un filo che mi conduca a un gruppo o a una situazione, sia del passato che del presente. Recentemente, dopo aver fatto l’intervista ad Alessandro della fanzine VM, ho trovato fra i dischi punk e new wave italiani, la prima uscita dell’etichetta indipendente Spittle Records. Il vinile a cui mi riferisco è “Goot From The Boot“. Lo presi al tempo perché mi piaceva avere un opera autoprodotta, da chi non si accontentava più d’ascoltare ma di fare i dischi. Un altro aspetto distintivo è che non è una compilation strettamente Hardcore Punk.
Tornando ad oggi, ho fatto alcune ricerche nella rete internet e ho trovato il sito della Spittle Records, che da qualche anno ha ristampato artisti italiani degli anni’ 80. Il catalogo è ricco di album, sia di materiale edito che inedito. Il fondatore “archivista” è Simone Fringuelli a cui ho rivolto qualche domanda.

L'intera intervista la trovate qui: http://www.sullamaca.it/musica/la-spittle-records-archivio-sonoro-della-scena-new-wave-italiana-degli-anni-80/

06 ago 2010

Wire intervista 1985

Intervista a cura di A. S. pubblicata su Rockerilla di Luglio Agosto del 1985, nr. 59-60.

Intervista rimossa da questo blog su richiesta dell'autore.

Molte grazie a Desbela

24 lug 2010

X-Ray Pop 7" - Alcool / Amazone


Ecco il 7" che mi fu regalato da Daniela di Tribal Cabaret. E' un piccolo gioiello della new wave elettronica  francese, nulla di straordinario ma simpatico, piacevole e divertente da ascoltare. La voce femminile è simpaticamente seduttiva. D'altronde come non si può non fare amicizia con questi strani francesi? Il vinile è verde acido e trasparente,  contenuto dentro un foglio pieghevole azzurro, il che fa tutto molto DIY (fatto da sé=autoproduzione).


X-Ray Pop
"Alcool / Amazone", 1984, 7".

http://www.mediafire.com

09 lug 2010

Uhmmm uhmmm e voilà mi tolgo il bavaglio


Oggi c'è lo sciopero indetto dalla F.N.S.I. "Un gesto simbolico per mostrare i tanti silenzi che la legge imporrebbe", però io penso che non sia una questione che riguarda gli addetti ai lavori, riguarda me e voi, riguarda la Libertà d'Espressione di tutti noi!

05 lug 2010

VM fanzine intervista e materiali vari ...

Non molto tempo fa, stavo cercando informazioni nella rete sulla fanzine musicale di Milano Vinile, pubblicata durante gli anni ‘80. Fra i risultati della ricerca mi sono imbattuto in un post dedicato a Vinile nel blog Place to Be. Siccome l’articolo mi era piaciuto particolarmente, ho lasciato un commento, complimentandomi con l’autore. Lui mi ha risposto che modestamente al tempo fra le fanzine milanesi c’era anche VM … Purtroppo me l’ero persa e così ho iniziato una corrispondenza via posta elettronica conoscendo il blogger ed “ex fanzinaro”  Alessandro. Ho scoperto che il fondatore delle fanzine era proprio lui! Addirittura – che la Provvidenza gliene mandi merito – aveva appena scansionato i 5 numeri della pubblicazione in formato pdf. Lui è stato così gentile da spedirmeli e ho trovato i numeri di VM molto belli ed interessanti. Però non mi è bastato leggere VM e allora perché non far parlare Alessandro su come pubblicava la fanzine VM?

20 giu 2010

X-Ray Pop -DS - El Gato 7"

Ho acquistato questo 7" ad un mercatino del vinile, trovandolo in modo del tutto casuale. Ricordo che era ammassato in un gruppo di 7" tutti in offerta per poche lire. Presi questo vinile colorato di bianco perché avevo già un loro  dischetto, che al tempo mi fu regalato da Daniela, curatrice della splendida fanzine Tribal Cabaret. Insomma mi pareva davvero un peccato lasciarlo lì, solo come un cane. Il gruppo sono gli X-Ray Pop capitanati da due musicisti francesi, Zouka Dzaza e Doc Pilot.

04 giu 2010

Flaming Lips Watching The Planets video

Wayne Coyne è davvero un personaggio strano ed eclettico, a lui la fantasia non manca. In questo video, tratto dall'album "Embryonic", lo vediamo cantare e muoversi all'interno di una sfera trasparente, assieme a un gruppo di ciclisti naturisti! L'ambiente è bucolico (prati e boschi), la canzone è scintillante ed allegra.
"Lasciamo perdere le paure ... uccidiamo l'ego ...
non ci sono segreti ... restiamo dopo il tramonto a guardare i pianeti
".


the Flaming Lips Watching The Planets Tonight from enri1968 on Vimeo.

... ecco il video per voi in download ...

Un grazie stellare a Desbela.

25 mag 2010

Rockgarage, la Fanzine e l'autoproduzione na parla Marco Pandin

Rockgarage, è stata la prima Fanzine che lessi un bel po’ di anni fa. L’acquistai alla Crash Records di Padova e fu veramente una scoperta. Ero un ragazzino (un teenager) e non mi era mai capitata fra le mani una fanzine o meglio “il primo giornale rock di mestre-venezia 1982-1984“. Il numero Zero/Quattro conteneva due vinili a 7″ ma era tutto l’insieme che mi incuriosì e mi appassionò, trovavo interessante leggere di gruppi musicali che non conoscevo ma che erano italiani e che avevano davvero qualcosa di reale da esprimere. Mi piaceva il formato e lo stile di Rockgarage. Per farla breve, scrivo a Marco e mi faccio raccontare qualcosa e ne è venuta fuori questa specie d’intervista che è anche un racconto di quegli anni, di un gruppo di ragazzi e ragazze che si sono inventati davvero qualcosa di speciale.

L'intervista completa è qui:
http://www.sullamaca.it/musica/rockgarage-la-fanzine-e-lautoproduzione-ne-parla-marco-pandin-2/

18 mag 2010

Ian Curtis un pensiero

Oggi ricorre l'anniversario della scomparsa di Ian Curtis cantante e membro fondatore dei Joy Division. Un breve post del mio blog per ricordarlo ascoltando questa play list.

10 mag 2010

Nick Cave Warren Ellis White Lunar the fanzine

Assieme all'uscita del doppio CD "White Lunar" è stata pubblicata una fanzine in formato pdf che raccoglie foto, dichiarazioni sul lavoro del doppio album. Il doppio album è una raccolta della collaborazione dedicata prevalentemente alle colonne sonore. Parte del materiale è già stato pubblicato, altro invece è inedito. Ad esempio si trova la colonna sonora del file “The road” di John Hillcoat, storico regista dei video di Nick Cave.

07 mag 2010

The Residents - The Beatles Play The Residents And The Residents Play The Beatles 7"

Altra chicca dai questi matti americani ma cosa può essere? Un omaggio ai Beatles? Un travestimento sotto forma di cover? Sperimentazione scherzosa? Il primo brano è addirittura inquietante, il secondo invece è come i  Beatles avrebbero rifatto una canzone dei Residents. I due brani sono rimasti a lungo introvabili e leggendari perché pubblicati su 7" ad edizione limitata, poi ripubblicati sul box antologico "Our Tired, Our Poor, Our Huddled Masses".

05 mag 2010

The Residents - From The Plains To Mexico 7"

Ecco ancora i nostri bulbi oculari, il brano di questo post era allegato ad un libretto di Stampa Alternativa con le traduzioni dei testi, discografia e biografia. La curiosità che il 7" era inciso solo su un lato e la canzone era inedita fino a quando non fu inclusa usl boxset antologico "Our Tired, Our Poor, Our Huddled Masses".
La musica è una ballata romantica al pianoforte con inserti elettronici mentre la voce ha un forte accento americano quindi rientra nel gioco di specchi e rifacimenti tipico dei Residents.

04 mag 2010

The Clash - The Early Demo

Allegato al libretto "The Clash Story" ho trovato questo CD. Il materiale sembra risalire ai lavori dei primi Clash, quindi periodo fine anni Settanta, purtroppo non vi è alcuna indicazione sul periodo di registrazione o sullo studio utilizzato. Il libretto fa parte della nuova serie "Sconcerto" edita da Stampa Alternativa ed è bilingue (italiano ed inglese). Contiene una biografia, dichiarazioni varie dei membri della band e la discografia. Il formato è sulle dimensioni del CD, personalmente ha perso un po' di fascino rispetto alla precedente serie di Stampa Alternativa che invece era in formato 7" ovvero un vinilico 45 giri. Ma chi se ne frega, si tratta dei Clash e quindi si prende lo stesso, se non altro per curiosità e per sentire del Punk tosto e scarno stile '77!

02 mag 2010

The Residents - Satisfaction 7"

Questi strani americani nel 1976 fecero la loro versione del celebre brano dei Rolling Stones. Una versione graffiante alla loro maniera, sicuramente agli amanti del rock o ai puristi non piacerà però se qualcuno non prova ad osare o a ricreare che gusto ci sarebbe? The Residents non fanno sconti e provano nuovamente a sperimentare, sicuramente dei pionieri prima ancora della moda degli omaggi o delle cover o forse della pochezza di idee dei musicisti?
Il 7" è stato ristampato nel 1978 in vinile acido acceso trasparente come riedizione.

01 mag 2010

Marc Almond - In Your Bed - 7" Stampa Alternativa

Altro libretto della serie Sconcerto di Stampa Alternativa, questa volta dedicato a Marc Almond. Il libro ripercorre tutta la carriera del musicista, sia con i Soft Cell e che i lavori solisti. E' presente la discografia dettagliata, dichiarazioni dell'artista e ovviamente i testi tradotti. Allegato al libro c'è un 7" con un brano solo su lato.

Marc Almond, Stampa Alternativa, 1987, SCONC. 003
  1. In Your Bed

29 apr 2010

Tuxedomoon Stampa Alternativa

Unico libro ad oggi riguardante il gruppo dei Tuxedomoon edito in italiano. Il libretto di Stampa Alternativa contiene: biografia, dichiarazioni di vari periodi dei membri del gruppo, testi tradotti, discografia completa del gruppo e dei singoli elementi, ovviamente alla data di pubblicazione.L'autore è Giampiero Bigazzi.

27 apr 2010

The Black Heart Procession - Lssr 7"


Ecco una rarità, un piccolo gioiello regalatoci da Pall e Toby. Musica suadente, malinconica come solo loro sapevano fare. Due canzoni che forse in un album avrebbero fatto fatica ad entrare o forse avrebbero potuto essere un Lato B di un vinile 12"? Mah, chi lo sa? Certo la musica e la voce di Pall certo portano nel vortice della malinconia, facendo emergere ricordi lontani ...
Edizione limitata di 500 copie, 200 su vinile rosso trasparente e 300 su vinile nero. Copertina stampata a tre colori. Le prime 43 copie dell'edizione hanno la copertina a un colore stampato e gli altri due colori dipinti a mano. Le copie erano ordinabili via poste elettronica e si potevano acquistare durante il tour europeo estivo del 2001.
Copertina e retro copertina di Pall A Jenkins.

25 apr 2010

The Jesus And Mary Chain - Live - CD Stampa Alternativa

Il CD in formato da 3" è allegato al libro bilingue (italiano ed inglese) edito da Stampa Alternativa. Il libro contiene una biografia, la traduzione dei testi e dichiarazioni varie dei fratelli William e Jim Reid, fondatori della band. I tre brani sono registrati dal vivo in Italia e negli USA, durante un tour del 1987. Nulla di travolgente ma fa sempre piacere ascoltare i suoni e le melodie rumorose de The Jesus And Mary Chain, o no?

22 apr 2010

Play Dead - Sacrosant - Pale Fire

A volte ti ascoltavi un 12" come questo e sembrava che non ci fosse nulla di meglio. Estraevi il vinile dalla busta, lo mettevi sul piatto del giradischi, lo facevi girare, lo pulivi e facevi scendere la puntina sul solco del vinile e poi usciva la musica dalle casse dell'impianto che ti accompagnava in un  viaggio, danzando con il corpo e con la mente. Una cosa da niente? Va bene altri tempi però questi inglesi eretici dopo T.V. Eye continuano a darci dentro e a farti continuare un viaggio malsano. Parto o no parto? Me ne fotto, io parto!

21 apr 2010

Play Dead T.V. Eye 7"

Questo 45 giri o per meglio dire questo 7" lo acquistai alla Crash Records di Padova, molto tempo fa. Questi inglesi ci danno dentro bene con due pezzi post punk verso il dark. Atmosfera elettrica e lenta, proprio niente male. No, mi sbaglio in Italia lo chiamavamo Dark all'estero Gothic.

Play Dead, "T.V. Eye", Fresh Records, 1981, 7" FRESH 38

A1 - T.V. Eye
B1 - Final Epitaph

19 apr 2010

Sparklehorse Studion Stockholm 1998 09 21

Sparklehorse, Studion Stockholm 1998 09 21

  1. Spirit Ditch
  2. Someday I Will Treat You
  3. Saturday
  4. Heart Of Darkness
  5. Junebug
  6. Cruel Sun
  7. Hundreds Of Sparrows
  8. Tears On Fresh Fruit
  9. Maria's Little Elbows
  10. Painbirds
  11. Sunshine
  12. Homecoming Queen
  13. All Night Home
  14. Happy Man
  15. Saint Mary
  16. Pig

Thanks to Wesley

17 apr 2010

Isolation Ward ... una band belga dall'oblio new wave

Anni fa ascoltai il 12" degli Isolation Ward a casa di un amico, l'aveva preso alla Crash Records di Padova perché prodotto da Peter Principle dei Tuxedomoon e da Gilles Martin, però dopo qualche ascolto non gli era piaciuto e mi chiese: "Lo vuoi tu?". Non ci pensai su un minuto, mi piaceva la voce incerta della cantante su quella musica ipnotica e suadente. Qualche mancetta ce l'avevo da parte e non avevo intenzione di perdere questo strano gruppo belga. Certo se si dovesse decidere per la copertina, credo che ci avrei pensato su, comunque alla fine è andata così. "Si, te lo compro".

12 apr 2010

Tuxedomoon Teatro Cristallo Milano 27 03 1982 Italy

 











The Thought a post punk dutch band

Molti anni fa lessi una bella recensione su una band olandese che suonava post punk. Purtroppo non esistono in rete molte risorse su di loro. Attualmente ho trovato un po' materiale sui The Thought, eccolo qua. Secondo me vale la pena di conoscere questi musicisti olandesi. La rivista dove lessi la recensione era Il Mucchio Selvaggio a firma di Federico Guglielmi. Originariamente il gruppo suonava della musica psichedelica pop, poi trasformò il suono con forti influenze post punk, accattivanti ed interessanti.

09 apr 2010

Wire Live May 1990

Il CD live con 4 brani è allegato al libro Wire "Exploded views" di Stampa Alternativa del 1994, con traduzione dei testi, interviste ai membri della band e la discografia.

30 mar 2010

Steven Brown plays Luigi Tenco

Steven Brown (membro fondatore dei Tuxedomoon) chiese ad un amico fidato di suggerirgli alcuni cantanti bravi degli anni sessanta. Ascoltando una cassetta trovata in un negozio sulla riviera Adriatica, la prima canzone che emozionò Brown fu "Ciao amore ciao". Dalle note interne del disco leggiamo: "Una strana musica melanconica sposata ad una luccicante produzione... accompagnata da un basso grave e da un tempo di rullante stile slow-rock, che irrompe in un maestoso ritornello, fretico e corale: un hit maledetto." Brown restò colpito anche dalla vicenda artistica e umana del cantautore genovese. Il frutto di questo "colpo di fulmine" è lo splendido vinile a 33 rpm, dove canta anche altri classici di Luigi Tenco.

Grant Lee Buffalo Buffalondon live EP

Assistere ad un concerto dei Grant Lee Buffalo era sicuramente un' esperienza unica. I suoni prodotti dal trio di musicisti (Grant Lee Phillips, Peter Kimble e Joey Peters) ti trascinavano e ti sommergevano in un vortice di musica. Questo EP rimane una delle rarissime testimonianze dell'intensità delle performances live dei Grant Lee Buffalo. Il  gruppo, avendo una solida base di country, folk, rock 'n' roll, psichedelia e punk, propone una miscela esplosiva e dolce di musica americana.

12 mar 2010

Intervista a Marco Pandin autore di Crass ANOK4U

All’inizio degli anni Ottanta in Inghilterra, più precisamente in campagna ad Epping, un gruppo di musicisti diedero vita a una vera e propria comunità con l’intento di far svegliare le coscienze degli inglesi o più semplicemente per portare avanti una serie di valori come il pacifismo, l’ecologia, l’antinuclearismo, la parità dei diritti e la libertà d’espressione. La loro opera musicale aveva l’urgenza e l’abilità d’urlare quei temi ma non si fermarono qui, iniziarono ad aiutare altri gruppi a registrare e a distribuire in modo autonomo i dischi, tessendo a una vera e propria rete di collegamenti seria e con intermediari fidati. Loro stessi incidevano dischi. Fu coniata l’etichetta di anarcopunk e sto scrivendo dei Crass. Nel 1984 un ragazzo di Mestre diede alla stampe un libro che tutt’ora ritengo interessante ed importante, sia dal punto dei vista dei contenuti che come opera completa e realizzata in modo autonomo, che per me resta un modello. Il libro è ANOK4U e il curatore è Marco Pandin di Stella*Nera. Ogni tanto lo sfoglio e quando capito alla Crash Records di Padova acquisto con curiosità e piacere le opere discografiche che Marco rilascia per Stella*Nera. Così mi sono detto perché non rivolgere qualche domanda a Marco e far partecipi anche altre persone dell’esperienza legata ai Crass?

L'intervista prosegue qui http://www.sullamaca.it/